Contenuto

Accoglienza MSNA - Minori Stranieri Non Accompagnati

Chi sono i MSNA?
“Per Minore Straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente cittadinanza italiana o di altri Stati dell’Unione Europea che, non avendo presentato domanda di asilo, si trova per qualsiasi causa nel territorio dello Stato privo di assistenza e rappresentanza da parte di genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili…” (DPCM 535/99 art. 1).

Nella maggior parte dei casi i minori stranieri non accompagnati sono adolescenti, che con il consenso dei genitori, decidono di lasciare il proprio Paese di origine, spinti da problematiche legate a situazioni di guerra, di instabilità politica, di grave povertà.

Progetto accoglienza MNSA
Il progetto si delinea in tre forme: Pronta accoglienza, Seconda accoglienza, Affido familiare

•    Pronta Accoglienza:  presso strutture accreditate, che accolgono ragazzi dai 14 ai 17 anni, che non hanno riferimenti parentali in Italia. Con l’assistente sociale dell’ASP, responsabile dell’accoglienza dei MSNA, vengono predisposti progetti individuali mirati all’integrazione, alla formazione professionale, all’inserimento lavorativo. Si effettuano colloqui di verifica, vengono accompagnati presso i servizi sanitari e nel disbrigo delle pratiche burocratiche (tutele, permessi di soggiorno).  La gestione del progetto è in rete nazionale con l’ANCI dal dicembre 2008. E’ in attuazione la seconda fase del progetto con scadenza 31/12/2011. La pronta accoglienza riguarda solo un periodo di 100 giorni per 10 minori. Inoltre il progetto di pronta accoglienza prevede l’obbligo della gestione di una banca dati in rete nazionale.
•    Seconda Accoglienza: dopo i primi 100 giorni di pronta accoglienza si prosegue a seguito di verifica il progetto già impostato nella prima fase, sino al compimento della maggiore età dei ragazzi.
•    Affido familiare: è un servizio di aiuto e sostegno al ragazzo da parte di una famiglia o di una singola persona accogliente. L’individuazione delle famiglie affidatarie, non segue i normali percorsi previsti per l’affido tradizionale, ma è basato sulla conoscenza da parte dell’Assistente Sociale, sulla disponibilità dell’affidatario e sulla volontà del minore. Si tiene inoltre in considerazione che la famiglia o la singola persona sia in collegamento con una buona rete di solidarietà familiare e interfamiliare e che sappia affrontare situazioni di criticità non previste. Si parla di affido omoculturale quando chi affida, appartiene alla stessa nazionalità e cultura del minore straniero. 

L’informazione/formazione per chi accoglie
avviene attraverso un incontro informativo individuale condotto dall’assistente sociale responsabile del Progetto MSNA. In collaborazione con il Centro per le Famiglie di Ravenna, si promuovono corsi preparatori specifici per gruppi di famiglie e singole persone disponibili ad accogliere minori stranieri non accompagnati. La formazione verte su tematiche sociali, giuridiche, sanitarie, e sugli aspetti psicologici legati all’accoglienza.
Per tutto il periodo di affidamento è assegnato un contributo economico finalizzato a coprire le spese che la famiglia sostiene, (erogato dall’ASP su fondi provenienti dal Comune).

La famiglia o il singolo soggetto affidatario, ha sempre come riferimento l’Azienda Servizi alla Persona che ha il compito di accompagnarli durante l’intero percorso di affido.

Enti di riferimento Comune di Ravenna, ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

 

_____________________________________________________________________

 

Materiali del seminario organizzato dalla Regione Emilia-Romagna a Bologana il 4 novembre 2013

 

- Minori stranieri e il Diritto all'istruzione

- Questioni maggiormente rilevanti in ordine a tutela delle vittime di tratta

- Commissione europea - I Diritti nella UE delle vittime della tratta di esserei umani

- Conferenza Stato-Regioni 11/07/2013

- Direttiva 2011-36-UE concernente la prevenzione e la repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime

- Save the children - i piccoli schiavi invisibili - dossier tratta 2013

- Save tha children - protocollo di identificazione e supporto dei minori vittime di tratta e sfruttamento

- seminario Gruppo Abele 2012 - richiedenti asilo e vittime di tratta tra differenziazione dei sistemi di protezione e necessità di coordinamento

- seminario Gruppo Abele  2012 - relazione dott.ssa C. Caizzi

- UNHCR - linee guida di protezione internazionale

 

_______________________________________________________________________

 

La nuova normativa UE in materia di protezione internazionale - Il Regolamento Dublino III (dal seminario promosso dalla regione Emilia-Romagna - Bologna 28/01/2014)

 

 

-  DIRETTIVA 2013/32/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26/06/2013 recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale (rifusione). Pdf


-  REGOLAMENTO (UE) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26/06/2013 che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l'esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide (rifusione). Pdf


DIRETTIVA 2011/51/ue del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'11/05/2011 che modifica la Direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estenderne l'ambito di applicazione ai beneficiari di protezione internazionale. Pdf

 

DRETTIVA 2011/95/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13/12/2011 recante norme sull'attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di beneficiario di protezione internazionale, su uno status uniforme per i rifugiati o per le persone aventi titolo a beneficiare della protezione sussidiaria, nonchè sul contenuto della protezione riconosciuta (rifusione). Pdf

 

 

 

 

 

Bacheca

Orientarsi a Ravenna

"Il Volontariato ti accende" è il titolo dell'opuscolo informativo curato dal Comitato Cittadino antidroga rivolto a chi momentaneamente si trova in grave difficoltà.

Non sei solo

e Linea CONtinua: raddoppiano i servizi gratuiti di ascolto per persone in difficoltà, si potenziano le azioni e le forme di supporto...

Empowerment

Affrontare la ricerca del lavoro con motivazione ed energia.
I Centri per l'Impiego di Ravenna Faenza e Lugo. Brochure in pdf

Video

Ravenna città accogliente: l'affido familiare per il cittadino di domani

Guarda il video

Prendi un bambino per mano



Guarda il video
 

Collegamenti esterni

Istituzioni partners
Per i nostri documenti in formato digitale usate Acrobat Reader e Microsoft Office Reader
 

©2011 Azienda Servizi alla Persona Ravenna Cervia Russi | Accessibilità

Comune di Ravenna Comune di Cervia Comune di Russi Provincia di Ravenna Regione Emilia-Romagna Azienda Unità Sanitaria Locale di Ravenna Qualità Sociale Emilia-Romagna Sociale Vai sul sito Adobe e scarica Adobe Reader per leggere i documenti in formato PDF Vai sul sito Microsoft e scarica Microsoft Reader per leggere i documenti in formato DOC Vai sul sito Adobe e scarica Adobe Reader per leggere i documenti in formato PDF Vai sul sito Microsoft e scarica Microsoft Reader per leggere i documenti in formato DOC